Si chiama solitamente spambot (parola traducibile all'incirca con "automa diffusore di contenuti multimediali indesiderati") un particolare web crawler che esamina la Rete alla ricerca di indirizzi e-mail o moduli compilabili, con l´intenzione di servirsene per diffondere pubblicità spazzatura, meglio conosciuta come spam.


Gli spambot vengono suddivisi in due grandi categorie: Spambot per la raccolta di email e Spambot per la compilazione di moduli online


Spambot per la raccolta di email

La sua funzione è raccogliere indirizzi email con lo scopo di utilizzarli come mittenti o riceventi di posta indesiderata.

Questo sistema è usato anche per effettuare frodi informatiche, phishing o per la diffusione di virus.

Col tempo si è cercato di sviluppare alcune tecniche per fermare questo tipo di spambot. Tra le tecniche più comuni c´è quella di inserire caratteri aggiuntivi all´interno degli indirizzi di posta elettronica: in tal modo un utente umano può facilmente intuire quali siano gli elementi superflui e cancellarli, mentre lo spambot non ne è in generale capace.


Esempio: [email protected]


Il metodo, però, è durato ben poco: gli spambot hanno sviluppato dei sistemi per ricavare i caratteri che compongono veramente l´indirizzo email eliminando quelli inutili.


Un altro metodo utilizzato consiste nel trasformare l´indirizzo email in un´immagine, ma nemmeno questo metodo funziona, perché gli spambot riescono a estrapolare i dati utili dal file grafico tramite sistemi OCR.

Inoltre la creazione dell´immagine dà problemi in termini di accessibilità ad utenti ipovedenti, soprattutto i daltonici.


Spambot per la compilazione moduli online

Questo genere di spambot è alla continua ricerca di moduli compilabili sul web, come si trovano in guestbook, forum, blog ecc.

Tale spambot si finge un essere umano, si iscrive al servizio e inserisce dei post / commenti con l´intenzione di ingannare gli utenti e far loro visitare i link da lui sponsorizzati, oppure per aumentare il posizionamento di specifiche pagine web nei motori di ricerca.

In ragione delle sue caratteristiche "ibride" tra utente umano e meccanismo automatico, questo secondo tipo di crawler "maligno" è anche detto pseudo-bot.

L´unico metodo che offre una buona difesa contro questo tipo di spambot è il Captcha, anche se si stanno cercando alternative in quanto il filtro in questione risulta poco accessibile ad utenti con disabilità visive.


Articolo a cura di YesWEBcan 19:34, Ott 23, 2009 (CEST)


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 23 ott 2009 alle 20:08.
  • Questa pagina è stata letta 1 865 volte.